Le sale da bagno del 2018 vedono il continuo interesse per i colori e le finiture provate e vere: tonalità bianche e neutre per i lavabi, finiture classiche come il cromo lucido, il nichel spazzolato e il nichel satinato per le finiture dei rubinetti. Ma ciò non significa che non ci sia spazio per essere creativi.

Alcuni designer affermano che molte persone continuano a optare per un lavandino bianco. “…Non si vede la follia a cui abbiamo assistito negli anni ’70 e ’80…”. Piuttosto, si può sire che i proprietari usino un lavandino bianco come accento a qualunque sia il colore principale nel bagno.

D’altra parte, si vede “un grande movimento verso la progettazione di bagni con finiture coraggiose a contrasto -. Il contrario di ciò che era accettabile 10 anni fa”, con la crescita più forte in stili e varianti di design moderno di transizione, come il moderno-industriale o il moderno-rustico.

“Il nichel lucido, il nero opaco, i toni della terra, l’ottone spazzolato e l’oro rosa sono i toni caldi di questo momento. I consumatori stanno diventando più avventurosi per quanto riguarda la sperimentazione di colori e finiture di tendenza. In particolare, le finiture dorate, come da stile classico, ottengono un aggiornamento contemporaneo. In passato, lerubinetterie dorate sono state associate al design tradizionale, ma ora, la finitura viene anche incorporata nelle case con un’estetica moderna, per una nuova interpretazione della stessa tendenza”.

“Un sacco di interessanti nuove finiture in metallo stanno emergendo per supportare lo stile minimalista caldo – dalla tendenza attuale con nero opaco e oro caldo, ai rivestimenti metallizzati opachi emergenti”, sottolinea L’Henaff. “I rubinetti con finiture ricche e strutturate stanno diventando sempre più popolari negli ambienti di lusso”, aggiunge.

Negli ultimi anni, abbiamo visto molte nuove finiture introdotte nel mercato dei rubinetti, come ottone non verniciato, oro spazzolato 24K, oro rosa, nero opaco e bianco opaco. Mentre il nero opaco e l’oro spazzolato 24K sono apprezzati nelle modalità “polverosa”, si nota una rinascita di cromo lucido nel bagno principale. “Gli utenti finali scelgono ancora il cromo lucido per il suo classico aspetto lucido, così come la sua durata intrinseca che consente una semplice manutenzione”.

Un passaggio dall’avere tutti i rubinetti perfettamente coordinati ha aperto le porte alla sperimentazione. “I consumatori vogliono pezzi nelle loro case che si distinguono e si fanno notare, con la tendenza di combinare diverse finiture e texture in aumento, consentendo di provare nuovi stili di design, senza preoccuparsi se la finitura sarà coordinata con il resto del loro arredamento”.

Potrebbe interessarti