Cersaie Business è arrivato alla quarta edizione: esso è il progetto che vuole condurre alla kermesse 2016, nei cinque giorni della fiera (dal 26 al 30 settembre), importanti imprese di costruzione e studi di design ed architettura, provenienti non solo da mercati conosciuti e consolidati, ma anche da zone in via di sviluppo.

Tramite progetti ongoing, tale evento ha l’obiettivo di favorire e rafforzare il business tra operatori nazionali ed internazionali e l’industria della ceramica italiana.

Per questo motivo, alla fiera di quest’anno saranno presenti circa 120 top buyers pronti a confrontarsi con il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno.

Cersaie consente questo progetto con la collaborazione della Regione Emilia-Romagna e dell’ICE-Agenzia, nonché di società di consulenza presenti nei diversi Paesi di provenienza dei top buyers, che sono Arabia Saudita, Australia, Azerbaijan, Canada, Danimarca, Emirati Arabi Uniti, Estonia, Finlandia, Germania, Hong Kong, Israele, Kazakhstan, Lettonia, Libano, Norvegia, Olanda, Qatar, Singapore, Stati Uniti d’America, Svezia e Vietnam.

Il Centro Servizi di Cersaie, al Primo Piano Blocco B, sarà il quartier generale di Cersaie Business: una Business Lounge fungerà da punto d’informazione, d’incontro e di ristoro per i delegati in visita al Salone.

Potrebbe interessarti