Tra le scelte più d’impatto per un bagno scenografico, fa bella mostra di sé la doccia in muratura, la quale permette di giocare con lo spazio e l’estetica del proprio ambiente, proprio grazie alla possibilità di personalizzarla, a partire dal piatto doccia.

Quest’ultimo, infatti, può presentare forme e materiali eterogenei, sicuramente diversi da quelli standard: ad esempio, tra le soluzioni più gettonate vi è il piatto doccia a filo pavimento, che può benissimo essere caratterizzato da eterogenee alternative, come la ceramica, le piastrelle, il cemento, la resina e, naturalmente, il legno.

Allo stesso modo, il piatto doccia ha misure adattabii a qualsiasi tipo di spazio disponibile, mentre la medesima doccia si avvale di tutte le sfaccettature innovative della tecnologia: dalla rubinetteria alla cromoterapia, dai sistemi multisensoriali ai massaggi, fino ai moduli contenitori ed alla vasca, per un’esperienza di benessere unica.

Ad oggi, la doccia in muratura è l’idea di stile che maggiormente contraddistingue tanto un bagno di design quanto uno rustico.

Nel primo caso, ecco un piatto doccia filo pavimento e cabine in vetro-cristallo oppure con almeno una parete in muratura, restringendo la scelta tra malta cementizia impermeabilizzata o resina.

Per quanto riguarda la forma, si può sfruttare lo spazio dilettandosi con un angolo della sala bagno oppure preferire l’originalità di pareti curvilinee e, per un tocco di lusso ricercato, aggiungervi l’illuminazione da lampadario a goccia.

La doccia in muratura, però, è l’emblema del bagno rustico, in cui si ammirano diverse accattivanti soluzioni per le pareti: un’nteressante cernita tra tasselli mosaico, pietra (soprattutto arenaria ed ardesia), roccia, lastre ad hoc, brick o mattoni a vista.

Tutto questo e molto altro, ma sempre nel rispetto di tutto quello che corrisponde ad un gusto country glamour, tanto per pareti quanto per il pavimento della doccia in questione.

Potrebbe interessarti