FIMA Carlo Frattini chiude il 2016 con un aumento del fatturato del 7%, a cui si aggiunge la crescita notevole dell’export, con un +65%, ossia un 10% in più rispetto agli anni precedenti.

L’azienda, in fatto di rubinetteria venduta su territorio nazionale, poi, vede un +5% anche in Italia, sebbene sia la quota export su cui si sta concentrando la stessa FIMA Carlo Frattini.

Infatti, c’è un progressivo interessante sviluppo verso mercati esteri come India (10 corner, aperti in un solo anno in punti vendita multibrand esclusivi, hanno prodotto un +40%), Grecia (il progetto di fornitura di Kivotos Luxury Boutique Hotel di Mykonos, ad esempio, è un importante attore dellla crescita del +100% rispetto al 2015), Slovenia (crescita del 33%), Francia (crescita dell’11%) ed Iran (nuovi mercati che registrano un impatto assai positivo).

Potrebbe interessarti