Un tempo piccola fonderia del Wisconsin, Kohler è diventata una dei leader mondiale nella produzione di elementi per cucine e bagni. A quasi 150 anni dalla sua creazione, il marchio globale presenta “MAXIMIN”, un’esperienza coinvolgente nel Museo Bagatti Valsecchi di Milano, uno dei palazzi ottocenteschi meglio conservati d’Europa – e, incidentalmente, la prima casa a installare una doccia a Milano.

‘La Milano Design Week è la celebrazione finale dell’innovazione e della creatività, e questa energia lo rende il posto perfetto per introdurre il nostro pensiero sul modernismo e su come progettiamo per uno spettro di espressione’, spiega Mark Bickerstaffe, direttore dello sviluppo di nuovi prodotti Kohler. L’arredamento decorato del museo contribuirà a dare vita a questa energia, offrendo una prospettiva contrastante sui disegni.

I visitatori potranno fare un viaggio attraverso l’ultima uscita di Kohler con una serie di installazioni ambientate nelle grandi sale del museo storico, che tracciano la visione di Kohler sulla modernità. Il design della mostra includerà anche luci al neon brillanti, accentuando la qualità scultorea di molti dei prodotti esposti.

Queste nuove offerte globali includono tutto, dai coinvolgenti lavandini “Dutchmaster”, impreziositi da audaci motivi floreali in una palette di colori scuri, al rubinetto “Components” elegante e nitido, che trasuda un’estetica industriale con una finitura nera opaca pulita, il nuovo Ombré finitura e il rubinetto “Kallista Grid” ispirato a De Stijl, che vanta una silhouette geometrica creata utilizzando la tecnologia di stampa 3D all’avanguardia.

“In questo contesto moderno, perseguiamo l’atemporalità, quell’intuito senso di correttezza quando le cose sono belle e lavoriamo insieme in armonia”, afferma Bickerstaffe. “E quell’armonia può essere ricca e densa, stratificata e complessa. Oppure può essere elegante e vuoto e Zen nella sua semplicità. ”

Kohler utilizza anche l’illuminazione per accendere ulteriormente alcune delle sue creazioni. Ad esempio, la nuova Lighting Suite per la collezione Organic “Veil” ingrandisce i prodotti (tra cui uno specchio, un lavandino, un lavabo, un bagno e un wc sospeso) inquadrandoli e migliorandoli con un bagliore ambientale, che può cambiare tonalità in base al cliente umore.

Come evidenziato dalla diversità della sua offerta, Kohler è orgogliosa dei suoi progetti completi e lungimiranti. “Dal minimalismo al massimalismo – amiamo la creatività in tutte le sue forme; e questo non è mai stato più evidente che con i nostri nuovi prodotti “, afferma Bickerstaffe. “Abbiamo sempre sostenuto con forza l’idea che stiamo liberando la creatività dei clienti offrendo una scelta.”

L’intuizione di Kohler nello spettro del modernismo traccia un percorso in cui i clienti possono trovare il proprio linguaggio di design, che sia minimalista, disinvolto e pulito, o espressionista con colori e motivi in ​​primo piano.

Potrebbe interessarti