L’arresto, o solo la variazione del flusso d’acqua, crea, nelle tubazioni idriche, quello che comunemente viene chiamato colpo d’ariete.

Esso deriva dall’energia cinetica idrica che, causa riduzione od arresto, si trasforma in pressione, comportando un rumore sordo all’interno dei tubi.

Usualmente deriva da un’improvvisa chiusura, quanto apertura, di utenze, quali rubinetti o miscelatori: oltre all’innocuo, seppur fastidioso, rumore, ciò genera pericolose sovrapressioni all’interno dell’impianto idraulico.

FAR realizza, quindi, l’anticolpo d’ariete, il quale attutisce questa dannosa pressione, preservando il regolare funzionamento dei componenti dell’intero impianto.

L’anticolpo d’ariete FAR impiega una molla d’acciaio, la quale è collegata ad un disco con doppia guarnizione o-ring: in questo modo, tale molla si contrappone alla forza del fluido idrico, riuscendone ad assorbire una parte importante della sovrapressione.