La joint venture tra Franke e Paini Rubinetterie ha acquisito Mamoli Robinetteria, storica azienda di Milano: le quote societari, sono, rispettivamente, del 55 percento e del 45 percento.

L’accordo nasce, innanzitutto, dalla strategia di crescita che Franke sta perpetuando per quanto riguarda il settore bagno: il suo piano di sviluppo ha avuto origine con l’acquisizione della storica azienda svizzera di rubinetti KWC, nel 2013, ed è proseguito recentemente con la partecipazione del capitale azionario di Duravit, al 25 percento.

Con Mamoli Robinetteria, Franke vuole rafforzare la sua presenza e la sua posizione nel comparto dei miscelatori da cucina, grazie proprio alle capacità di sviluppo e di produzione della stessa azienda milanese.

Per questo motivo, Mamoli Robinetteria affiancherà le divisioni di produzione rubinetteria di Franke Acquarotter a Berlino in Germania e di Franke Nokite a Shunde in Cina, oltre che di KWC ad Unterkulm, in Svizzera.

Infatti, la medesima sarà integrata nella Divisione Water Systems: l’accordo, quindi, prevede la salvaguardia presente e futura del know how produttivo di Mamoli Robinetteria ed il mantenimento delle risorse umane attuali.

Ancora, si pone l’avvio, come visto, di un piano di sviluppo internazionale delle suddette conoscenze produttive: per questo, Franke ha scelto Paini per siglare la joint Venture in merito.

L’importante specializzazione tecnico-industriale di Paini, quindi, serve al rilancio internazionale di Mamoli Robinetteria, che, sia come produzione sia come ricerca, diventerà un centro nevralgico per Franke ed i suoi brand, proprio per quanto concerne i rubinetti ed i miscelatori per bagno e cucina.

Franke Paini Joint Venture rubinetteria Mamoli

Franke Paini Joint Venture rubinetteria Mamoli1