Il rubinetto della cucina si riveste di nuovi stili, a partire dal colore, come si è già visto nei post precedenti: a questo proposito, essendo un prodotto sottoposto a diverse sollecitazioni d’uso, la sua funzionalità è importante, se non primaria.

Ma ciò non significa rinunciare ad un tocco glamour, soprattutto si sia in fase di restauro della propria cucina e dei suoi arredi.

Per questo motivo, ci si può rivolgere a rubinetti e miscelatori decorativi, in quanto presentano un design arricchito rispetto allo standard.

Ecco, quindi, che si possono ammirare finiture speciali degli stessi: in linea con i trend del momento, possono giocare con i colori e con i possibili contrasti cromatici.

Non solo l’intramontabile eleganza del cromo, ma anche la briosa parvenza di tonalità importanti come il nero, il bianco, il rosso, il celeste e così via.

Se si desidera una via di mezzo, per non passare dal classico all’originale con troppo brio, allora si può scegliere la decorazione di elementi e componenti dei medesimi rubinetti.

Ad esempio, è il caso di manopole o leve dalle nuance diverse, talvolta intercambiabili per contemplare sempre un look nuovo e diverso del proprio rubinetto da cucina.

Ancora, mantenendo cromature standard oppure l’algida efficienza metallica, la componentistica può presentare intriganti motivi a rilievo, magari mettendo in corrispondenza leve e bocche di erogazione.

Lo stesso dicasi per il ritorno delle maniglie e leve forate, al cui facilità di presa ha anche un intento molto stilistico e decorativo.

Infine, i rubinetti per la cucina propongono una sorta di effetto vintage, in cui si contempla un mood antico molto moderno.