La scelta della rubinetteria per la cucina è sicuramente cruciale, anche rispetto ad altri ambienti, bagno, naturalmente, in primis: come si è già visto, la funzionalità dei rubinetti casalinghi risulta importante, spesso primaria rispetto allo stile ed all’eleganza.

Negli ultimi anni, però, si sono evoluti prodotti che tengono conto tanto della praticità quanto del design della rubinetteria in questione, realizzandosi attraverso geometrie diversificate, squadrate od arrotondate, che guardano anche al risparmio idrico ed energetico.

A questo proposito, infatti, i rubinetti da cucina possono comportare la presenza di dispositivi tecnici e tecnologici in merito, come il limitatore di flusso od il limitatore di temperatura, i quali evitano dispendi inutili di volumi idrici e di acqua calda.

Ancora, il rubinetto da cucina può essere dotato di silenziatore, ove si voglia, appunto, ridurre il rumore del medesimo getto, senza perdere nulla in quantità di flusso d’acqua.

Si è detto che il design moderno ha a cuore la funzionalità di questa rubinetteria: è il caso di rubinetti e miscelatori che si possono inclinare al livello del lavabo, qualora non vi sia spazio e si debba installarli sotto finestra.

La pratica manegevolezza della rubinetteria propone anche eterogenee forme, dalle sinuose curvature profonde, come una U rovesciata, all’essenzialità contemporanea delle linee squadrate.

Tutto ciò sta nella necessità che essi siano alti e lunghi, per permettere un facile lavaggio di alimenti o stoviglie nel lavello oppure, se vi è installata una doccia estraibile (meglio se con bocca girevole), poter riempire direttamente d’acqua una pentola sul fuoco.