WTS ha nel proprio DNA il rispetto per l’ambiente e la salvaguardia della natura: ne sono esempio lo stabilimento di Flero a Brescia e lo stabilimento di San Maurizio D’Opaglio.

Lo stabilimento di Flero, che è anche il quartier generale dell’azienda, è stato dotato di un impianto fotovoltaico di ultima generazione: ben 18mila metri quadrati di superficie, altrimenti non utilizzabili, sono stati impiegati per collocare 792 moduli fotovoltaici.

Il suddetto impianto fotovoltaico ha una capacità di generare quasi 200 chilowatt al giorno: praticamente l’intero fabbisogno energetico dell’azienda viene coperto dalla produzione solare.

Ma c’è di più, in quanto, utilizzando energia pulita e sostenibile, si evita di immettere nell’atmosfera anidride carbonica: l’impianto di Flero permette un risparmio di circa 153 tonnellate annue di CO2… quando si dice emissione zero.

Lo stabilimento di San Maurizio D’Opaglio, nell’egual caso, si occupa anch’esso di tutto il ciclo produttivo di WTS, ma con un occhio di particolare riguardo per una fase cruciale del medesimo, ossia la cromatura dei prodotti dell’azienda. In merito ai potenziali inquinanti industriali, si sa quanto siano potenzialmente nocivi e pericolosi per l’ambiente, i trattamenti galvanici.

La cromatura, allo stesso tempo, è una fase importantissima nel ciclo produttivo dei rubinetti, in quanto la medesima rubinetteria viene sapientemente trattata con un idoneo rivestimento di cromo, il quale impedisce possibili corrosioni, mantenendola come nuova per lungo tempo.

Consci del pericolo insito nel trattamento galvanico, WTS è arrivata allo “SCARICO ZERO”: ciò significa che l’impianto di cromatura nello stabilimento di San Maurizio D’Opaglio è dotato di un innovativo sistema di depurazione, il quale è in grado di purificare le acque reflue, permettendone il riutilizzo nel ciclo produttivo ed evitando, in tal modo, il rilascio nell’ambiente esterno.

Gestire un impianto industriale galvanico comporta grandi responsabilità; nel passato era d’uopo scaricare le acque con cromo e nichel direttamente nelle fognature, comportando intere zone in Italia ancora adesso inquinate da cromo esavalente, oltre a parecchie falde acquifere permanentemente inutilizzabili.

“SCARICO ZERO” è la risposta responsabile di WTS, definendone, al contempo, l’importanza della visione green dell’azienda data dalla WTS ECO GREEN SYSTEM.